giovedì 9 dicembre 2010

Mostra fotografica -Jeux d'enfants-



Giovedì 9 dicembre alle ore 10,00 al coro di Notte dell’Ex Monastero dei Benedettini si terrà la conferenza stampa per la presentazione della mostra “Jeux d’enfants”, realizzata dall’agenzia foto giornalistica Neda free reports, in collaborazione con le Facoltà di Lettere e Filosofia e di Lingue e Letterature Straniere dell’Università di Catania e patrocinata dall’UNICEF. Interverranno alla conferenza i presidi delle Facoltà, il prof. Enirico Iachello e il prof. Nunzio Famoso e il presidente del comitato provinciale Unicef di Catania prof. Vincenzo Lorefice.La mostra continuerà fino al 23 dicembre e per tutta la durata sarà allestito uno stand UNICEF per informare e raccogliere fondi da destinare ai progetti in favore dell'infanzia nel mondo.
La mostra “Jeux d’enfants” è un racconto dedicato ai bambini di diverse etnie, cucito in varie parti del mondo: ciò che li accomuna e che li fa bambini è il gioco e la sua metafora. Assediati in scene di guerriglia urbana, nelle bidonville malsane di Bangkok, tra i vicoli di Lisbona, i mercati di Londra, Parigi, Catania e per le antiche strade del Mediterraneo, immigrati e migranti in terre straniere, al sole equatoriale o sui banchi di scuola di una villaggio africano, i bambini offrono al racconto un’unica gioia, quella incantata del gioco.

venerdì 17 settembre 2010

Inaugurazione progetto “Lo sguardo incantato” ospitato da ARTE AL CUBO 2010


ARTE AL CUBO 2010 - IL PROGRAMMA
Quando: dal 3 settembre al 9 ottobre 2010 - dalle 18.00
Dove: Varie sedi - Varie sedi
Prezzo: ingresso libero
Di che si tratta? Concerti - Incontri - Mostre - Proiezioni - Reading
Arte, storia, letteratura, cinema, musica, poesia e letteratura. Questi gli ingredienti della quarta edizione di ARTE AL CUBO, manifestazione organizzata dall’Associazione Arte al Cubo Eventi e da TRIBE Società Cooperativa.

Arte al Cubo 2010 intreccia una pluralità di linguaggi (arte, storia, letteratura, cinema, musica, poesia e letteratura) in un format coinvolgente, articolato in: mostre, salottini culturali, esibizioni musicali, proiezioni di video, reading di poesia e dibattiti. La manifestazione, che si svolgerà fra il 3 settembre e il 9 ottobre 2010 in storiche location di Paternò (Galleria d’Arte Moderna e Castello Normanno), Riposto (Parco delle Kentie) e Acireale (Ex liceo Gulli e Pennisi), è organizzata dall’Associazione Culturale e di Promozione Sociale - Arte al Cubo Eventi (www.artealcuboeventi.it) e da TRIBE Società Cooperativa (www.tribearl.it).

Durante gli eventi sarà presente uno stand del Comitato Provinciale di Catania per l'UNICEF che fornirà informazioni e procederà con una raccolta di fondi per gli alluvionati del Pakistan, dove oltre 3,5 milioni di bambini sono a rischio.

L'evento si svolge con il supporto della Provincia Regionale di Catania e del Comune di Acireale e con il patrocinio del Comune di Paternò, del Comune di Riposto, della Facoltà di Scienze della Formazione - Dipartimento dei processi formativi e con il patrocinio morale del Comitato Provinciale di Catania per l'UNICEF. Media Partner della manifestazione sono: TRIBE ART / La Guida mensile agli Eventi d’Arte in Sicilia (www.tribeart.it), L'inchiostro mensile, NEXTLINK (www.nxtlink.it), TRIBENET – La Tribù italiana dell'Arte (www.tribenet.it).


Lo sguardo incantato:
Fotografie di Santo Mangiameli, testi di Sandra Quagliata

"Lasciai il mio paese, quel paese è solo una stagione, un giorno d’inizio con la consapevolezza di una fine, quel ciclo dove disumanamente ci apprestiamo, ogni santo ritorno, a danzare, io quel ri-inizio, io l’ho lasciato e se la vita è la linea in avanti, se fosse per me e per lui quella retta come insieme di infiniti punti, allora io l’abbracciai. Il mio paese è un valzer, le vecchie e i rosari in mano, le donne con la fronte umida d'acqua santa mentre reggevo Schopenhauer fra lo stomaco e gli intestini." Sandra Quagliata.

Santo Mangiameli: http://www.flickr.com/photos/santo_mangiameli/

Sandra Quagliata: http://sandraq85.blogspot.com/

----------------------------------------------------------------------------
C AT A N I A * E Q U I D è / L O S G U A R D O I N C A N T A T O

Metà negozio, metà galleria. è il nuovo spazio EQuidè di via S.Michele 20 a Catania, che dal 29 giugno al 29 luglio, c’invita a entrare ne "Lo sguardo incantato" la mostra composta da sette polittici in cui le fotografie di Santo Mangiameli dialogano con i testi di Sandra Quagliata. L’esposizione nasce da un bagaglio “di memorie innate” e dal “tentativo di scrivere con la luce”. In queste parole c’è il segno della discesa platonica dell’Idea nella materia, della luce nello spazio. Una vertiginosa discesa “per distacco” a volte drammatica, come in Lasciai il mio paese, che attraverso due immagini racconta la giornata di un barbone; altre volte giocosa densa di “emozioni, sensazioni, congetture, rumori e suoni” (da Souvenir dans le noir: sei foto in cui dei bambini giocano tra le giostre e le barche di un molo). La scelta dei soggetti (migranti, emarginati) non è legata solo a un messaggio sociale, ma soprattutto all’idea del migrare, del flâneur: in ogni cambiamento minimo registrato dall’obbiettivo e dalla penna c’è il tentativo di ritrarre un momento di attraversamento. In "Goffamente, per sempre tua" due foto mostrano due bambini che si contendono un pacco di snacks: si nota subito l’accartocciarsi della confezione. È un “elemento di rumore” replicato per analogia nella foto accanto, nelle rughe d’una donna sdentata che sorride davanti una chiesa. È l’amore sacro, eterno, che attraversa goffamente il rumore della realtà, le sue increspature. La tensione platonica si consuma tutta nel tratto minimo, nel segno più impercettibile dello scorrere del tempo: il gesto (trait d’union tra immagine e parola). Lo sguardo incantato dei due artisti è tutto rivolto verso l’infinitamente piccolo. Il gesto registrato è “distratto”, è “manifesto [...] del quasi-sconosciuto, del quasi-amato, quasi-dimenticato” (da Come un abito nuovo). È un gesto che nell’eterno scontro luci-ombre sembra gridare, sussurrare, poi tacere: “come si può ch’io regga a tanta notte?”, scriveva Ungaretti.

Riccardo Raimondo - TribeArt Luglio-Agosto 2010

venerdì 2 luglio 2010

dal workshop con Reza Deghati

Step1: «L'avvenire appartiene a quelli che credono nella bellezza dei propri sogni. La somma di questi sogni è ciò che ha fatto progredire l'umanità». Le parole di Reza Deghati, il grande fotografo iraniano del National Geographic fondatore dell'agenzia Webistan e di AINA, si riferiscono a un sogno ben concreto, il progetto “Terzocchio Meridiani di Luce” della Fondazione Fiumara d'Arte di Antonio Presti, che vuol fare di Librino un grande museo a cielo aperto, con la fotografia in primo piano.





Nati per distacco






martedì 22 giugno 2010

Lo sguardo incantato


Lasciai il mio paese, quel paese è solo una stagione, un giorno d’inizio con la consapevolezza di una fine, quel ciclo dove disumanamente ci apprestiamo, ogni santo ritorno, a danzare, io quel ri-inizio, io l’ho lasciato e se la vita è la linea in avanti, se fosse per me e per lui quella retta come insieme di infiniti punti, allora io l’abbracciai. Il mio paese è un valzer, le vecchie e i rosari in mano, le donne con la fronte umida d'acqua santa mentre reggevo Schopenhauer fra lo stomaco e gli intestini.

Lo sguardo incantato
Mostra fotografica di Santo Mangiameli, testi di Sandra Quagliata
Martedì 29 giugno 2010 alle ore 20.30 ‘eQuidè’ ‘NegozioGalleria’ , via S.Michele 20, Catania

mercoledì 28 aprile 2010

La metà del percorso




"...è un po' come quel punto in una relazione dove all'improvviso ti rendi conto che non durerà per sempre e cominci a intravedere la fine..."

(frase tratta da Me and you and everyone we know)

venerdì 8 gennaio 2010

Gavettando nelle parole

La casa editrice Il Filo ha selezionato due miei scritti che verranno inseriti nell'antologia "Navigando nelle parole 2009-2010"... soddisfazioni soddisfazioni :-)
...comunque...
dato che non becco un centesimo non è necessario comprarla :-), pubblico i miei selezionatissimi :-) due scritti qui:


In silenzio

Nei miei specchi si riflettono meraviglie,
la coscienza non è più un rischio,
incorniciata in paesi d'altri tempi,
senza testimoni,
resta una storia sospesa in equilibrio sulla superficie dell'acqua,
e in silenzio,
mi racconta.




La preghiera

L’aquilone ha ripreso il volo. Il filo non è sordo. E il pensiero viaggia. Il film non è muto. Il cuore pulsa e srotola la pellicola davanti ai miei occhi rossi.